Figlio boss, 'pagate o vi sparo'

"Lorenzo ti deve parlare", e poi "vi sparo, voi non sapete con chi avere a che fare": sono le parole che si sono sentiti dire alcuni imprenditori di Sant'Antimo (Napoli), condotti davanti al figlio del boss con la mediazione di un imprenditore a lui vicino, per costringerli a pagare un pizzo di 25mila euro e a vendere appartamenti al clan e a una società "gradita" alla camorra. É quanto hanno scoperto i carabinieri del Nucleo Investigativo di Castello di Cisterna (Napoli), nell'ambito di indagini coordinate dalla DDA partenopea. I militari hanno notificato oggi due misure cautelari emesse da gip nei confronti di Lorenzo Puca - esponente di spicco dell'omonimo clan, figlio del boss Pasquale Puca, detto "'o minorenne" - e dell'imprenditore, una persona incensurata, anche lui di Sant'Antimo. Le vittime della tentata estorsione sono a loro volta imprenditori, proprietari anche del terreno su cui è stato poi realizzato il complesso edilizio preso di mira dalla camorra locale.

Altre notizie

Notizie più lette

  1. PuntoAgroNews
  2. Il Mattino
  3. 2aNews
  4. Il Mattino
  5. TorreSette

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Afragola

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...